Successo della presentazione del Salone del Libro di Torino a Palazzo Tursi a Genova il 26 aprile

Venerdì 26 aprile a Genova, presso Palazzo Tursi, la presentazione del Salone Internazionale del Libro di Torino è stata un successo ed entrerà negli annali di una nuova collaborazione non solo culturale fra Liguria e Piemonte.

Come in tutte le prime volte, è stato più faticoso e complicato entrare in contatto con le persone e Istituzioni. Per il futuro si potranno coinvolgere più proseliti, ma il fatto che tutti siano stati soddisfatti e vogliano ripetere l’evento anche in forma più imponente, è il segno di come Solstizio d’Estate Onlus abbia centrato l’obiettivo.

Per Nicola Lagioia, direttore artistico del Salone del Libro << Abbiamo gettato un seme che speriamo possa germogliare>>. Continua -il direttore artistico -« Da Genova, arrivate in treno e vi portiamo direttamente al Salone» ( questo vale anche per gli Albesi, ndr). Un terzo ingresso agli spazi espositivi, infatti, è direttamente collegato con la stazione di Torino Lingotto tramite una passerella che parte dalla banchina del binario 9.

Alle dichiarazioni di Lagioia si associa il Cultural Service manager della città di Genova, Maurizio Cremonini già pronto per la nuova edizione.
Erano presenti all’evento altresì Marco Pautasso che accompagnava il direttore artistico, la Consigliera regionale e comunale Lilli Lauro, in rappresentanza del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, il presidente Francesco Carleo della Municipalità IX assieme all’assessore Sonia Paglialunga e all’assessore Federica Cavalleri della Municipalità Centro Est per presentare questa incredibile edizione, ai quali va aggiunto lo scrittore Alex Marco Pepé che ha collaborato validamente con Solstizio d’Estate Onlus alla riuscita dell’evento.

L’Europa è l’argomento dell’inaugurazione del 9 maggio, con la lezione del filosofo Fernando Savater dal titolo “Dov’è l’identità culturale europea” «che ci porterà a riflettere su ciò che ci unisce», ha detto Lagioia. Ma il Salone offre anche altri filoni – da “Questo è un uomo” a “Democrazia allo specchio”, tutti da scoprire.

Il tour letterario per raccontare progetti, anticipazioni, protagonisti e curiosità per arrivare in forma al #SalTo19! tra cui la tappa presso l’Accademia Albertina per la lezione di Ernesto Franco su Julio Cortazar e Rayuela continua fino all’apertura.

Sempre al Salone, giovedì 9 maggio, anche le due Tavole rotonde di Solstizio d’Estate in collaborazione con l’Associazione Italiana Musei della Stampa e della Carta: la prima, alle ore 10.30, dal titolo “Sfumature di Giallo” con Franco Andreoni, Flavio Brovia, Maria Araceli Meluzzi, Fabrizio Biagio Carillo, Barbara Grosso, Tommaso Lo Russo, Giulia Manfieri, Graziella Naurath e la seconda, alle 11.30, dal titolo l’Evoluzione del Linguaggio e dei Segni con Giuseppe Ghisolfi, Giorgio Montecchi, Elio Ottonello, Elettra Palmirani, Danilo Paparelli, Enrico Tallone, Bruno Vallepiano e Valter Viscardi.

L’evento si è concluso con un rinfresco a base di prodotti del Piemonte, dai salami al tartufo, alle torte di Nocciola di Barroero di Cortemilia e Cerrato Alessandro di Castelletto Uzzone, lo spumante Alta Langa dell’Azienda Agricola Bera, il dolcetto e Barolo delle Cantine Gigi Rosso di Castiglion Falletto e al Barolo delle Cantine Ascheri, il moscato del Consorzio di Tutela DOCG e lo Spumante Asti Secco di Santero 958 di Santo Stefano Belbo e il formaggio del Caseificio Alta Langa di Bosia.

Nuovi incontri di Solstizio d’Estate Onlus sono previsti a breve, con il Cultural Service manager Maurizio Gregorini, per implementare gli scambi culturali e artistici fra Liguria e Piemonte.

Tommaso Lo Russo

Redazione Sfumaturedigiallo.it

Stiamo lavorando per migliorare la vostra esperienza online.